Per li occhi fora scoppiava lor duolo

Per li occhi fora scoppiava lor duolo

Sì, era proprio il caso di fare una piccola deviazione rispetto al solito cammino – in tal modo si era espresso il maestro – fino alla fiera crudele che in precedenza si era posata poco distante da loro, con la coda guizzante nel vuoto del baratro.

Infatti, la fiera in questione era risalita dal fondo dello stesso per prelevare i due poeti e depositarli successivamente, come avverrà puntualmente, nel pianoro di Malebolge, lʼottavo cerchio dellʼInferno, essendo i due confinati ancora nel settimo, precisamente nel terzo girone.

Così avevano svoltato alla loro destra, appunto diversamente dal solito, che fino a quel momento era stato quello di procedere verso sinistra, e si erano incamminati per un breve tratto sullʼorlo del cerchio predetto, per evitare con cura la sabbia e le falde di fuoco che scendono implacabilmente ad arroventare la stessa. E quando giungono nei pressi della fiera, vedono alcuni dannati che siedono poco più in là vicino al burrone.

Ci troviamo nel 17^ canto dellʼInferno. In direzione del centro. Dove Virgilio, preso atto della presenza di costoro – dice al poeta: “Affinché la conoscenza di questo girone sia piena e totale, vaʼ e vedi la loro condizione. I tuoi colloqui là siano brevi; finché non ritorni, converserò con questa bestia, affinché ci presti le sue spalle robuste”.

Così Dante, seguendo il suggerimento del maestro, unʼaltra volta completamente solo va su per lʼorlo estremo del settimo cerchio, in cui siedono questi dannati – non dimentichiamo che tale orlo rappresenta il limite interno del cerchio, diviso in tre gironi, che ha inizio nella sua parte esterna con il Flegetonte, il fiume di sangue bollente e vermiglio che raccoglie gli omicidi e i predoni, il primo girone, prosegue con la selva dei suicidi e degli scialacquatori, il secondo girone, e termina con la spianata sabbiosa, quella che ospita i bestemmiatori, i sodomiti e gli usurai, il terzo girone.

“La loro sofferenza traboccava in lacrime attraverso gli occhi; di qua, di là tentavano di difendersi con le mani ora dalle falde di fuoco, e ora dalla sabbia rovente: non in modo diverso agiscono i cani in estate una volta con il muso una volta con la zampa, tutte le volte che sono punti o dalle pulci o dalle mosche o dai tafani”, chiosa il poeta non appena raggiunge i dannati: gli usurai.

Tra i quali, dopo aver indicato al lettore tre di loro attraverso la puntuale descrizione dei loro stemmi nobiliari, senza tuttavia farne i nomi, viene assalito dalla veemenza verbale dellʼultimo. Che merita unʼattenzione particolare. Se ne riparlerà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...