S’i’ fossi stato dal foco coperto

S'i' fossi stato dal foco coperto

La pioggia di fuoco continua a martellare la spianata sabbiosa che costituisce il terzo girone del settimo dellʼInferno, quello in cui per gentile concessione della volontà divina sono stati collocati i bestemmiatori, i sodomiti e gli usurai.

Dante – con Virgilio un poco discosto, ed entrambi sopra uno degli argini che racchiudono il sangue bollente della diramazione del Flegetonte – ha da poco iniziato a prestare ascolto a uno dei tre sodomiti che, poco prima, si sono distaccati dalla schiera sopravvenuta quando egli era impegnato a conversare con Brunetto Latini, raggiungendo i due poeti fermatisi ad aspettarli, perché così ha consigliato Virgilio.

E i tre sulla sabbia rovente hanno subito fatto un cerchio di loro stessi, un vero e proprio girotondo. A questo punto, il poeta ci ha resi edotti con una bella similitudine che i tre dannati gli sono apparsi come quei lottatori nudi e spalmati di olio, che studiano il momento opportuno per afferrare lʼavversario in posizione di vantaggio, prima che tra di loro si scambino percosse e ferite.

Poi uno, sempre girando, ha preso la parola e, rivolto a Dante, gli ha detto che se il miserabile stato di quel luogo rendeva spregevoli loro e le loro richieste, e il volto annerito e spelato e scorticato dalle fiamme, la loro fama avrebbe dovuto indurre la volontà del poeta alla benevolenza di presentarsi.

16^ canto dellʼInferno. Dove il dannato continua il suo discorso in tal modo: “Questi, lʼorme di cui pestar mi vedi, quantunque sia tutto nudo e senza peli, fu di rango elevato più di quanto tu non creda: fu nipote della virtuosa Gualdrada; si chiamò Guido Guerra, e nella sua vita operò con molto senno e coraggio.

Il secondo, chʼappresso me la rena trita, è Tegghiaio Aldobrandi, le cui parole tra i vivi avrebbero dovuto essere apprezzate. E io, che sono sottoposto al tormento con loro, fui Iacopo Rusticucci, e certamente la mia ritrosa moglie mi danneggia più di altre cose”.

Qui il dannato si zittisce. E aspetta ansioso la replica del poeta. Il quale, prima della stessa, precisa nella narrazione quanto segue: “Sʼiʼ fossi stato dal foco protetto, mi sarei precipitato di sotto tra di loro, e penso che Virgilio lo avrebbe permesso; ma poiché io mi sarei bruciato e ustionato, la paura prevalse sulla mia benevola disposizione dʼanimo che mi rendeva avidamente desideroso di abbracciarli”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...