E non pur io qui piango bolognese

E non pur io

Deposti nel fondo di Malebolge, lʼottavo cerchio dellʼInferno, da Gerione, dopo averli prelevati dal margine di pietra delimitante il terzo girone del cerchio precedente, i due poeti si sono incamminati sui ferrigni argini della prima bolgia, e Dante ha visto alcuni diavoli provvisti di corna percuotere spietatamente con le fruste i dannati sulla schiena.

Ahi quanto facevano alzare loro i calcagni alle prime sferzate! ormai nessuno attendeva le seconde né le terze”, ha rilevato il poeta nel vedere quella scena atroce. E frattanto che continuava ad avanzare, il suo sguardo è stato attratto da un dannato, sicché non ha potuto fare a meno di domandarsi se fosse la prima volta che lo vedeva.

E perciò si è fermato a raffigurarlo; e Virgilio ha fatto altrettanto, consentendogli di arretrare un poco per dargli la possibilità di scambiare due parole con quello. Il quale, osservando attentamente il movimento di Dante, si era illuso di nascondersi abbassando gli occhi; ma la mossa gli ha giovato poco, tanto che il poeta gli si è rivolto immediatamente, dicendogli, che se le sue fattezze non lo traevano in inganno, lui era Venedico Caccianemico, per chiedergli, infine, che cosa lo aveva portato a pene così pungenti.

18^ canto dellʼInferno. Dove la risposta di questi non si fa attendere. Eccola: “Lo dico malvolentieri; ma mi costringe il tuo modo di parlare, che mi fa tornare alla memoria la vita terrena. Fui quello che indusse Ghisolabella a soddisfare la libidine del marchese, comunque sia diffusa la turpe notizia.

“E io non sono l’unico Bolognese tormentato qui; all’opposto questa bolgia né è tanto colma, che non vi sono tanti miei conterranei attualmente a Bologna; e se di ciò desideri la fiducia nella mia parola o una testimonianza sicura, ricordati della nostra avida natura”.

Mentre parla così un diavolo lo colpisce con il suo scudiscio di cuoio, e dice: “Allontanati, ruffiano! qui non vi sono donne da prostituire per guadagno”.

Udito ciò, il poeta si ricongiunge con Virgilio; dopo con pochi passi pervengono dove uno dei ponti di pietra emerge dalla parete di roccia. 

 

Un pensiero su “E non pur io qui piango bolognese

  1. Caro Carlo, prima di poter leggere e comprendere il blog penso che dovrò affrontare il lavoro di questo fiorentino universale. Un abbraccio da Madrid, Spagna
    Ahora en castellano, he utilizado un traductor on line, espero no haber dicho alguna burrada 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...