I’ vidi Eletra con molti compagni

i-vidi-eletra-con-molti-compagni

Chi sono i spiriti del Limbo, il primo cerchio dell’Inferno, impegnati a discorrere con voci melodiose su un prato con l’erba appena spuntata che Dante – con gli occhi sgranati dalla meraviglia – sta contemplando da una posizione di privilegio, allorché vi giunge insieme a Virgilio, e dopo essersi un poco discosti da Omero, Orazio, Ovidio e Lucano, incontrati poco prima?

Se con tale interrogativo ci avviamo alla parte conclusiva del 4^ canto dell’Inferno, la risposta ad esso ce la fornisce proprio il poeta, il quale, in tono didascalico, ci informa: “Vidi Elettra con molti discendenti, tra i quali riconobbi Ettore ed Enea, Cesare in assetto di guerra con gli occhi torvi. Vidi Camilla e Pentesilea; dal lato opposto vidi re Latino che sedeva con sua figlia Lavinia. Vidi quel Bruto che scacciò Tarquinio, Lucrezia, Giulia, Marzia e Cornelia; e solo, in disparte, vidi il Saladino”.

Per proseguire: “Quando guardai un poco più in alto, vidi Aristotele seduto tra i filosofi. Tutti lo guardano, tutti mostrano un atteggiamento riguardoso dinanzi a lui: lì io vidi Socrate e Platone, che gli stanno vicino più degli altri; Democrito che sostiene essersi costituito l’insieme della Terra e dei cieli per il concorso fortuito degli atomi, Diogene, Anassagora e Talete, Empedocle, Eraclito e Zenone; e vidi l’abile botanico, dico Dioscoride; e vidi Orfeo, Cicerone e Lino e il filosofo etico Seneca; il matematico Euclide e Tolomeo, Ippocrate, Avicenna e Galeno,  Averroè che scrisse il commento dei testi aristotelici”. E concludere così: “Io non posso parlare di tutti in modo esauriente, poiché la vastità della materia m’incalza così, che molte volte davanti all’agire il parlare è insufficiente”.

Detto ciò, la schiera – dapprima costituita da sei poeti, di cui Dante è il sesto tra poeti di tanto senno – si riduce a due. Allora Virgilio lo invita a riprendere il cammino “per un altro percorso, fuori dal castello, nell’aria che vibra”; ed entrambi giungono in una zona dove non si trova nulla che risplenda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...