La vista che m’apparve d’un leone

il leone

Un piccolo passo indietro e torniamo nel primo canto dell’Inferno. Dopo che il Sommo Poeta, attraversata la ‘selva oscura’, che gli ha di paura il cor compunto, ha fatto riposare il suo corpo affaticato – lo vediamo mentre, seduto su di un masso lungo il sentiero, si deterge con la mano il sudore della fronte – riprende a camminare per la piaggia diserta in direzione del colle, i pendii del quale sono illuminati dalla radiosa luce del sole, e quando una lonza che gli è apparsa davanti, quasi al cominciar de l’erta, ha ostacolato non poco la sua andatura, facendogli addirittura ritenere possibile un clamoroso dietro-front, ecco che la comparsa improvvisa di un leone rimette tutto in discussione.

Temp’era dal principio del mattino ”, racconta il poeta, “e il sole in Ariete risaliva il cielo come nel giorno della Creazione; sicché mi davano motivo di non temere quella bestia dalla pelliccia maculata l’ora mattutina e il tiepido clima primaverile; ma non tanto che paura non mi desse la vista che m’apparve d’un leone”.

Questi, materializzatosi dal nulla, pare venirgli incontro con un atteggiamento superbo e famelico, sicché egli ne ricava l’impressione che perfino l’aria attorno ne abbia timore.

Lettore, non ti preoccupare per il nostro eroe: egli saprà cavarsela egregiamente… almeno fino al prossimo incontro.

Annunci

3 pensieri su “La vista che m’apparve d’un leone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...