Un, crucifisso in terra con tre pali

23^ canto dell’Inferno.

Caifas.

Malebolge, l’ottavo cerchio dell’Inferno. Sesta bolgia. Dopo che i due poeti hanno ascoltato attentamente la breve presentazione che ha fatto di sé Catalano de’ Malavolti e del sodale Loderingo degli Andalò, entrambi nella vita terrena appartenenti all’ordine religioso dei cd. frati Gaudenti, Dante prova a rispondere, ma si ferma subito, perché gli viene all’occhio un dannato, piantato in terra con tre pali.

Questi, vedendo il poeta, totalmente si contorce, sbuffando nella barba con sospiri; e il frate Catalano gli dice che quel conficcato consigliò i Farisei che era utile crocifiggere un uomo per il popolo. “È posto di traverso, nudo, nella via, come tu vedi, ed è necessario che egli senta come pesano quanti passano, prima di essere passati. E a tal modo il suocero soffre in questa bolgia, e gli altri del concilio che fu causa di sventura per gli Ebrei”, conclude il frate Gaudente, con ciò destando meraviglia in Virgilio.

Si sta parlando di Caifas, in aramaico “oppressore”, sommo sacerdote di Gerusalemme dal 18 a.C. al 36 a.C., del quale i Vangeli ci hanno tramandato la sua responsabilità nell’opposizione della classe sacerdotale giudea contro Cristo. Infatti, Matteo, e non solo lui (Matteo, 26,3 e 57, Luca, 3,2 e Giovanni, 11,50, 28, 14 e 24), riportò che, in una riunione appositamente organizzata, si decise la cattura e la messa a morte del Salvatore. Il quale, condotto alla presenza di Caifas, dichiarò di essere il Figlio di Dio, ricevendo in risposta che stava bestemmiando.

Il passo dantesco fu chiosato dall’Anonimo Fiorentino, illustre commentatore della Commedia, che scrisse: “Questo crucifisso fu Caifasso, il quale, quando Cristo fu crucifisso da’ Giudei, elli era Pontefice maggiore; e disse in sua diceria, che si convenia che uno morisse per lo popolo, e Cristo fosse esso. E perciò che ipocritamente consigliò per lo popolo, per la giustizia conviene che ogni gente lo scalpiti e vadali addosso”.

@ UN, CRUCIFISSO IN TERRA CON TRE PALI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...