Mia madre a servo d’un segnor mi puose

22^ canto dell’Inferno.

Ciampolo di Navarra.

A Malebolge, ottavo cerchio dell’Inferno. Quinta bolgia. Poco oltre l’inizio del canto, Dante fa la conoscenza di un dannato, che diventa il protagonista assoluto del canto stesso. Il poeta, dopo averlo visto sull’argine della bolgia dal diavolo Graffiacane afferrato col runciglio per i capelli intrisi di pece ed essere sollevato, “in modo che mi sembrò una lontra”, precisa, chiede a Virgilio che apprenda chi sia quell’infelice. Il maestro gli si avvicina a fianco; gli domanda di dove egli sia, e lui a sua volta risponde che nacque nel regno di Navarra.

Per proseguire così: «Mia madre, che mi aveva generato da un furfante, annientatore di sé e dei suoi beni, mi mise al servizio di un signore. Poi fui membro della numerosa servitù del valente re Tebaldo; ivi mi accinsi a esercitare la baratteria, della qual cosa io rendo conto in questo luogo caldo».

Il suo nome, Ciampolo o in francese Jean Paul (di recente si è sostenuto che si trattò del trovatore provenzale Rutebeuf, anch’esso cortigiano del re navarrese), che Dante omise, gli venne attribuito dai primi commentatori della Commedia, i quali si ispirarono proprio al passo su ricordato.

Esposto al continuo scherno dei diavoli, i quali trovano massimo godimento a interrompere il suo dialogo che egli prosegue con Virgilio, riesce prima a contenere la rapace veemenza di costoro, per attrarli, infine, a quello che il poeta definisce “nuovo ludo”: una prova di abilità, dove ha la meglio semplicemente tuffandosi nella pece bollente, scomparendo alla vista.

Se Benvenuto da Imola, anche lui tra i primi commentatori dell’opera dantesca, gli diede del “baratarius minor”, confrontandolo ai diavoli, per il Pagliaro, più recentemente, Ciampolo “qualifica la baratteria nel suo tipico aspetto umano di furberia e astuzia faccendiera, di contro alla versione grossolana e animalesca, rappresentata dai diavoli stupidi, crudeli e mentitori a vuoto”, che inseguono “una preda per essi intangibile (Dante e il suo duca) non si sa con quale proposito”.

@ MIA MADRE A SERVO D’UN SEGNOR MI PUOSE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...