Non de’ addur maraviglia al tuo volto

Non de' addur maraviglia al tuo volto

Tranne la testa d’oro puro, il Veglio di Creta reca ogni sua parte del corpo divisa da una ferita che fa sgorgare le lacrime, le quali, raccolte ai suoi piedi, forano la roccia, ha spiegato Virgilio a Dante. Che ha continuato nella sua dissertazione, dicendo che il percorso delle lacrime procede nell’abisso infernale da un salto all’altro, e forma l’Acheronte, lo Stige e il Flegetonte, per essere incanalato poi in una doccia di pietra, e costituire infine il lago Cocito al centro della Terra.

Canto 14^ dell’Inferno, nella parte finale dello stesso, immersi nello scenario inquietante della pianura sabbiosa, che costituisce il terzo girone del settimo cerchio del baratro infernale. Dove il poeta non ha fatto altro che starsene in religioso silenzio, di fronte al maestro, che parlava, parlava, parlava, descrivendo l’enorme statua che si erge nelle viscere del monte Ida, a Creta.

E dove, aggrottando la fronte, Dante si decide a parlare a sua volta, chiedendo con voce ferma: “Maestro, se questo ruscello si origina dalla Terra in tal modo, perché a noi si mostra soltanto su questo margine estremo?”

Per avere questa risposta: “Tu sai che l’Inferno è di forma rotonda; e sebbene tu abbia percorso un arco di cerchio molto ampio, sempre a sinistra, scendendo, non sei stato guidato finora lungo l’intera circonferenza; sicché, se qualcosa ti appare come nuova, non de’ addur maraviglia al tuo volto”.

Da qui Dante, insistente, ribatte: “Maestro, dove sono il Flegetonte e il Lete? perché dellʼuno non parli, e dellʼaltro affermi che è originato da queste lacrime”.

E il maestro, stizzito: “Mi piacciono di certo tutte le tue domande, ma il ribollimento del fiume sanguigno avrebbe dovuto risolvere il primo dei tuoi dubbi. Vedrai il Lete, ma fuori da qui, sulla vetta del Purgatorio”.

Per concludere così: “Ce ne dobbiamo andare; faʼ in modo di venirmi dietro: gli argini di pietra, che non sono roventi, ci indicano la strada, e sopra di essi si spengono tutte le fiamme”. Stop. Fine del canto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...