Fa che di noi a la gente favelle

Fa che di noi la gente favelle

Dante, posto con Virgilio su uno degli argini che racchiudono il sangue bollente della diramazione del Flegetonte, ha detto ai tre sodomiti che fanno il girotondo sopra la spianata del terzo girone del settimo cerchio, che egli era Fiorentino, e sempre riferì e ascoltò con affetto devoto le loro azioni e i loro onorevoli nomi. “Abbandono lʼamarezza del peccato, e aspiro alle virtù teologiche e morali promesse a me da Virgilio; ma prima devo scendere fino al fondo dellʼInferno”, ha poi concluso.

Detto ciò, ha atteso la risposta del dannato che lo ha interpellato. Che non è tardata ad arrivare. Infatti, questi gli ha chiesto se le virtù convenienti a un animo nobile si trovavano a Firenze comʼera solito, o se l’avevano abbandonata totalmente; “perché Guglielmo Borsiere, il quale soffre con noi da poco tempo e si accompagna là coi compagni, ci affligge molto con le sue parole”, ha precisato.

16^ canto dellʼInferno. Oltre il centro di esso. Dove il poeta, con il volto alzato, grida così: “I nuovi abitanti e le ricchezze rapidamente acquisite hanno prodotto alterigia e dissolutezza, Firenze, nei tuoi cittadini, sicché tu già te ne duoli”.

I tre, che comprendono ciò come replica, si contemplano lʼun lʼaltro con lʼatteggiamento di chi è convinto di una verità.

Se le altre volte ti costa così poco”, rispondono tutti, “dare risposte così soddisfacenti ad altri, beato te se parli così quanto ti paia e piaccia! Perciò, se tu esci sano e salvo da queste tenebre infernali e risali sulla Terra, quando ti piacerà dire di essere venuto qui faʼ in modo di parlare di noi alle persone”.

Dopo rompono il cerchio, e ad allontanarsi correndo le loro gambe sembrano ali tanto sono veloci.

“Non si sarebbe potuto dire un amen rapidamente così come essi furono scomparsi; e perciò a Virgilio sembrò opportuno allontanarsi. Io gli tenevo dietro”, narra il poeta a questo punto, “e ci eravamo incamminati da poco, ma lo scroscio del ruscello ci era tanto vicino, che se pure avessimo parlato saremmo stati uditi a fatica”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...