Ello passò per l’isola di Lenno

Ello passò per l'isola di Lenno

18^ canto dell’Inferno. Oltre il centro.

E il valente maestro, senza la mia richiesta, mi disse: “Guarda quel grande che incede, e malgrado la sofferenza non sembra che pianga: quanta altera regalità conserva tuttora! Quegli è Giasone, che con coraggio e con senno privò gli abitanti della Colchide del vello d’oro. Esso toccò in un tratto del suo percorso l’isola di Lemno dopo che le animose e crudeli donne avevano ucciso tutti i loro uomini.

“Lì con atti da innamorato e con falsi discorsi trasse in inganno Isifile, la giovanetta che in precedenza aveva tratte in inganno tutte le altre. La fece restare lì, incinta, tutta sola; un peccato così grave lo condanna a un tormento altrettanto grave; e si rende giustizia pure a Medea. Con lui se ne va chi trae in inganno le donne per il proprio piacere; e basti sapere questo della prima bolgia e di coloro che afferra e strazia dentro di sé”.

Da leggere: Le ripe eran grommate d’una muffa del 06.12.2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...