Quando tre ombre insieme si partiro

Quando tre ombre insieme si partiro

I due poeti hanno lasciato al loro destino Brunetto Latini, nel terzo girone del settimo cerchio dell’Inferno, quello dei bestemmiatori, dei sodomiti e degli usurai.

E dopo che hanno camminato a passo svelto sull’argine su cui Dante – mentre avanzava con Virgilio che lo precedeva e ser Brunetto che lo affiancava in basso sulla spianata sabbiosa – ha intrattenuto poco prima un bellissimo e nostalgico dialogo con il suo mentore della gioventù, giungono in un punto… “da cui si udiva il sordo rumore del ruscello  che precipitava nel cerchio successivo, simile al ronzio che le api fanno intorno all’alveare, quando tre ombre si allontanarono insieme, correndo, da una schiera che passava sotto la pioggia del terribile tormento”, precisa il poeta.

I tre sodomiti si avvicinano a Virgilio e Dante, e ognuno si mette a gridare: “Fermati tu che dalla veste ci sembri essere qualcuno della nostra città malvagia”.

Parte iniziale del 16^ canto dell’Inferno. Dove Dante, alla vista dei tre dannati che si sono allontanati dai loro compagni di pena, non può che dire a sé stesso: “Ahimè, quali ferite recenti e rimarginate vidi nei loro corpi, impresse dalle fiamme! Tuttora me ne dolgo soltanto che me ne ricordi”.

Il maestro non ignora costoro, anzi pone mente alle loro invocazioni; e dice al poeta di aspettare, perché a costoro si deve mostrare rispetto.

Per proseguire in tal modo a completare il suo pensiero, guardandolo fisso negli occhi: “E se non fosse il fuoco che fa scendere la natura del luogo, direi che la prontezza converrebbe più a te che a loro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...