Poi si rivolse, e parve di coloro

15^ canto dell’Inferno.

Ultima parte.

Ed egli a me: “Essere a conoscenza di qualcuno è bene; degli altri sarà meritevole di approvazione astenersi dal parlarne, perché il tempo sarebbe di breve durata rispetto a  un discorso tanto lungo. In breve sappi che furono tutti ecclesiastici e uomini di lettere grandi e di grande reputazione, immondi in vita del peccato di sodomia. Prisciano se ne va con quella moltitudine infelice, e pure Francesco d’Accursio; e avresti potuto vedervi, se avessi avuto il desiderio di tale lordura, colui che dal servo dei servi di Dio fu trasferito da Firenze a Vicenza, in cui lasciò i nervi genitali tesi viziosamente. Parlerei di più; ma l’accompagnarmi e il parlare con te non possono continuare, poiché vedo sollevarsi là un altro polverio dal terreno sabbioso. Si avvicinano dannati con i quali non devo essere. Affido alle tue cure il mio Tesoro, nel quale io sopravvivo tuttora nella memoria degli uomini, e altro non desidero”.

Poi si volse, e parve di coloro che corrono a Verona la corsa a piedi nella campagna; e parve di costoro quegli che vince, non colui che resta soccombente.

@ POI SI RIVOLSE, E PARVE DI COLORO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...