Ciò che narrate di mio corso scrivo

Ciò che narrate di mio corso scrivo

Brunetto Latini ha ricordato al suo vecchio allievo che proprio i Fiorentini saranno i suoi acerrimi nemici, a causa del suo buon comportamento, “ma cʼè un motivo”, gli ha detto, “perché non è conveniente a un uomo generoso come te operare in mezzo a gente così ignorante e malvagia”.

E qui gli ha menzionato quel detto che designa i concittadini creature ottuse.

“Ti ricordo che sono avidi, invidiosi e soprattutto superbi. Perciò fai del tutto per allontanarti da essi. Le due fazioni in lotta, poi, vorranno coinvolgerti per forza nelle loro questioni politiche, ma questo non succederà”, ha precisato infine.

Siamo tornati nel quindicesimo canto dellʼInferno, al centro dello stesso. Dove Brunetto Latini, il mentore di Dante nei suoi anni adolescenziali – che sta scontando la pena nel terzo girone del settimo cerchio, tra i sodomiti – si è appena espresso nei termini di cui sopra, il poeta camminando a piccoli passi sullʼargine di pietra che racchiude il ruscello di sangue e il maestro, che lo affianca dabbasso sulla sabbia rovente della spianata, sulla superficie della quale piovono larghe falde di fuoco.

E dove ser Brunetto, come lo ha chiamato Dante quando lo ha riconosciuto, conclude il suo duro discorso, iniziato poco prima, con lo stesso tono accusatorio: “I Fiorentini si trasformino pure in sterco, e non facciano danni alla discendenza, ammesso che ci sia ancora chi riesca a sollevarsi dal loro letamaio, della stirpe nobile di quei Romani che vi restarono quando fu costruita una città tanto malvagia”.

A questo punto interviene il poeta, rispondendo in tono accorato, tanta è lʼemozione che lo pervade nel vedere il suo maestro ridotto così: “Se potessi esaudire totalmente ciò che veramente desidero, voi sareste ancora in vita; perché è impressa nella mia memoria, e ora mi duole molto, la vostra figura di padre così benigna, quando nella mia vita ogni tanto mi dimostravate con il vostro esempio in che modo il ricordo presso gli uomini non svanirà mai grazie alla gloria che solo gli uomini virtuosi possono vantare; e quanto tutto questo io lo gradisca, finché vivrò dovrà essere riconoscibile dalle mie parole.

Ciò che narrate di mio corso scrivo, e lo conserverò nella mia memoria insieme a unʼaltra profezia per farmelo spiegare da Beatrice, quando sarò con lei”. Pausa. Dante sta per dire qualcosa di molto bello, soprattutto per sé stesso. Sorride al suo mentore, che lo guarda ammirato per le parole udite, e… ma se ne riparlerà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...