Dico che arrivammo ad una landa

14^ canto dell’Inferno.

Prima parte.

Dal momento che mi stimolò il devoto amore per la patria, raccolsi i ramoscelli frondosi e li ridiedi a colui, che già taceva. Da lì giungemmo al limite in cui il secondo girone si separa dal terzo, e in cui si vede la tremenda azione punitrice della giustizia divina. A illustrare appieno le cose mai viste, dico che giungemmo ad una campagna che respinge ogni pianta dalla sua superficie piana.

La dolorosa selva la circonda intorno, come il dolente fiume essa; lì sostammo proprio sull’orlo estremo. Il suolo era costituito da una sabbia secca e compatta, non composta in altro modo rispetto a quella che fu calpestata già da Catone. O giustizia di Dio, quanto tu devi essere temuta da ciascuno che apprende ciò che apparve ai miei occhi!

@ DICO CHE ARRIVAMMO AD UNA LANDA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...