Surge in vermena e in pianta silvestra

13^ canto dell’Inferno

Quinta parte.

Perciò ricominciò: “Ti si possa compiere spontaneamente ciò che le tue parole pregano, spirito prigioniero, ti sia gradito inoltre di dirci come l’anima si congiunge a queste piante dai rami nodosi; e dicci, se tu puoi, se mai qualcuna si scioglie da membra così incredibili come queste”. 

A quel punto il ramo troncato emise sospiri con forza, e poi quel soffio si mutò in questo discorso: “Vi risponderò speditamente. Nel tempo in cui l’anima crudele si allontana dal corpo da cui si è strappata essa stessa, Minosse la manda al settimo cerchio. Precipita nella selva, e non le è scelto un luogo; ma là dove la getta il caso, lì germina come un chicco di spelta.  

“Si trasforma in stelo erboso e in pianta selvatica: le Arpie, nutrendosi delle sue foglie, producono sofferenza, e un’apertura da dove escono i lamenti. Come le altre verremo per riprendere i nostri corpi, ma non dico tuttavia che qualcuna se ne rivesta, perché non è giusto avere ciò che ci si sottrae. Li trasporteremo qui, e i nostri corpi saranno sospesi nella desolata selva, ciascuno al cespuglio spinoso della sua ombra ostile”.

@ SURGE IN VERMENA E IN PIANTA SILVESTRA

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...