Io sentia d’ogne parte trarre guai

13^ canto dell’Inferno.

Seconda parte.

Io sentivo da ogni punto lamentarsi e non vedevo alcuno che lo facesse; per cui io mi fermai tutto turbato. Io credo che egli credette che io credessi che i tanti lamenti provenissero, tra quei pruni, da dannati che non fossero a noi visibili.

Perciò il maestro disse : “Se tu recidi qualche ramoscello frondoso di una di queste piante, i tuoi pensieri si riveleranno tutti vani”.

Di conseguenza protesi la mano un poco avanti e divelsi un ramoscello da un grande cespuglio spinoso; e il suo ramo troncato gridò. “Perché mi rompi?”. Dopo che fu diventato poi di colore scuro per il sangue, ricominciò a dire: “Perché mi strappi? tu non hai nessun sentimento di compassione? Fummo uomini, e ora siamo diventati cespugli spinosi: la tua mano tuttavia avrebbe dovuto essere più pietosa, anche se fossimo state anime di serpi”. 

Come da un pezzo di legno verde che sia acceso a una delle estremità, che dall’altra stilla gocce di linfa e stride per l’aria che fuoriesce, così dal moncone del ramo spezzato uscivano insieme parole e sangue; cosicché io lasciai cadere l’estremità del ramo, e stetti come chi teme. 

@ IO SENTIA D’OGNE PARTE TRARRE GUAI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...