Già eravam da la selva rimossi

Già eravam da la selva rimossi

Inferno, canto 15^, inizio dello stesso. Virgilio e Dante, camminando nei pressi della selva dei suicidi e degli scialacquatori – che costituisce il secondo girone del settimo cerchio, quello che castiga i violenti contro sé stessi, e che hanno percorso in tutta la sua ampiezza, dopo avervi fatto degli incontri non poco interessanti e istruttivi – raggiungono gli argini di pietra di un rivo dal liquido rosso, che sgorga appena al di fuori di quella.

Qui il poeta mantovano avverte Dante di stare attento e di continuare a seguirlo come sempre, perché di lì in avanti il cammino non sarà per niente agevole – ammesso che fino a quel momento lo sia stato. Questi argini furono costruiti non si sa da chi – ma forse sarà stata la mano di Dio! – per contenere in un alveo sicuro il sangue bollente – è questo il liquido rosso ivi racchiuso. Ora uno di quegli argini permette loro di andarsene da questo luogo, mentre “lʼevaporazione del sangue bollente forma sopra lo stesso una fitta nube”, chiosa il poeta.

Nel seguito di detta descrizione, che, come detto, forma la parte iniziale del canto, egli, nellʼintento di presentare il nuovo ambiente che si staglia loro davanti (si tratta del terzo girone del settimo cerchio), dice: “Come i Fiamminghi nella Fiandre, nel timore che lʼalta marea si riversi su di loro, edificano le dighe per contrastare la forza dʼurto del Mar del Nord; e come i Padovani lungo il Brenta, allo scopo di difendere le loro città e i loro borghi, prima che in Carinzia si sciolgano le nevi, provocando con ciò la piena dei fiumi che scendono nella Pianura Padana; a questa configurazione si ispiravano quegli argini, sebbene non fossero così alti né così grandi”.

Già eravam da la selva rimossi” di quel tanto, che non si può vederla, per quanto sforzo si faccia nel voltarsi, quando una schiera di anime viene avanti lungo lʼargine, e tutte insieme li scrutano come si fa di sera nel guardare un amico con cui si sta parlando alla luce scarsa del plenilunio; e quelle anime strizzano gli occhi nella loro direzione, così come un abile sarto stringe le palpebre e aguzza lo sguardo per infilare il filo nella cruna di un ago.

Così guardato da cotal famiglia…”, ci informa il poeta; ma fermiamoci qui.

Annunci

Un pensiero su “Già eravam da la selva rimossi

  1. Caro Carlo, come sempre riesci al elogiare ed elevare alla semplice comprensione la narrazione dei luoghi e del suo pensiero rivolto ai nemici posti nei vari gironi. complimenti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...