E quando vide noi, sé stesso morse

12^ canto dellʼInferno.

Prima parte.

Il punto in cui giungemmo che consente di discendere la parete era scosceso e, anche per quel che vi era, tale, che ogni sguardo ne sarebbe restio. Qual è quella frana che a valle di Trento colpì la riva dell’Adige, o per un fenomeno sismico o per un appoggio venuto meno, che dalla sommità del monte, da cui precipitò, fino alla pianura la rupe è così rotta e ingombra dalle sue rovine, che permetterebbe un qualche passaggio a chi fosse in alto: tale era la discesa di quel burrone; e sull’orlo superiore della ripa franosa era sdraiata la vergogna di Creta che fu concepita dentro la finta vacca; e quando ci vide, infierì contro sé stesso, come quegli che l’ira consuma internamente.

@ E QUANDO VIDE NOI, SÉ STESSO MORSE

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...