O Tosco che per la città del foco

10^ canto dell’Inferno.

Seconda parte.

E io: “Valente guida, non ti nascondo il mio desiderio se non per parlare poco, e tu non solo ora mi hai indotto a ciò”. 

O Toscano che te ne vai ancora vivo attraverso il sesto cerchio parlando così onestamente, voglia tu soffermarti in questo luogo. Il tuo accento ti palesa originario di quella nobile città, alla quale forse fui troppo gravoso”.

All’improvviso questo parlare venne fuori da una delle arche; perciò mi avvicinai, temendo, un poco più alla mia guida.

Ed egli mi disse: “Rivolgiti a lui! Che cosa fai? Vedi là che Farinata si è sollevato: lo vedrai totalmente dalla cintola in su”.

@ O TOSCO CHE PER LA CITTÀ DEL FOCO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...