O voi ch’avete li ‘ntelletti sani

9^ canto dell’Inferno.

Quarta parte.

“Venga all’Inferno Medusa: così lo trasformeremo in pietra”, dicevano tutte rivolgendo lo sguardo in basso; “con nostro danno non punimmo l’attacco di Teseo”.

Rivolgiti indietro e chiudi gli occhi e coprili con le mani; perché se appare Medusa e tu la vedessi, non sarebbe più possibile tornare sulla terra”.

Così disse il maestro; ed egli stesso mi fece rivolgere nella direzione opposta, e non si contentò che io tenessi le mie mani sugli occhi, ma vi aggiunse anche le sue. O voi che avete gli intelletti sgombri da errore, sforzatevi d’intendere l’ammaestramento che si cela sotto il senso letterale dell’allegoria. E già arrivava su per le acque fangose un rumore violento e improvviso, spaventoso, per cui tremavano ambedue le rive, non diverso da un vento vorticoso causato dallo scontrarsi di vapori di caldi e secchi elevati dalla terra, che colpisce la selva e senza nessun ostacolo rompe, getta a terra e trascina fuori i rami; avanza con il suo alto fronte in un nugolo di polvere, e mette in fuga gli animali e i pastori.

@ O VOI CH’AVETE LI ‘NTELLETTI SANI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...