Cerbero, fiera crudele e diversa

6^ canto dell’Inferno.

Prima parte.

Al ritorno della coscienza, che si era sottratta alla percezione della realtà esterna di fronte allo spettacolo doloroso offerto dai due cognati, che per la tristezza mi aveva turbato interamente, mi vedo intorno pene diverse e peccatori diversi, in qualunque maniera io mi diriga o che mi rivolga, o in qualunque maniera io guardi con intenzione. Io sono al terzo cerchio, della pioggia eterna, nociva, gelata e opprimente; la norma e la natura non sono mai diverse.

Grandine grossa, acqua nera e neve si rovesciano attraverso l’aria buia; il suolo che riceve questo manda fetore. Cerbero, fiera crudele e strana, abbaia ringhioso con tre gole simile a un cane sopra i dannati che lì sono immersi. Ha gli occhi vermigli, la barba sozza e nera, e l’addome enorme, e le mani artigliate; graffia gli spiriti e li scortica e li fa a pezzi.

@ CERBERO, FIERA CRUDELE E DIVERSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...