Dirò come colui che piange e dice

diro-come-colui-che-piange-e-dice

Allorché io compresi la condizione di quelle anime angustiate, chinai il volto, e continuai a guardare in basso, fino a quando Virgilio mi chiese: ‘A che cosa pensi?’. Questo ci dice il Sommo Poeta nel nucleo del 5^ canto dell’Inferno.

Ora, caro lettore, fai un piccolo sforzo d’immaginazione; è semplice, solo un modesto sacrificio che non costa nulla, e vedrai davanti ai tuoi occhi il Nostro starsene a capo basso a fissare la nuda terra, in preda all’emozione come non gli era ancora accaduto – e in seguito gli succederà solamente poche altre volte – dopo aver ascoltato in religioso silenzio la ‘mozione degli affetti’ che Francesca da Polenta ha cominciato a manifestare nei riguardi del cognato Paolo Malatesta: Ah, amor ch’a nullo amato amar perdona…

Sicché Virgilio non può far altro che domandargli: ‘Che pense?’- e questo sarà l’unico suo intervento in questo canto, che vede protagonisti assoluti la povera Francesca e Dante. Già, a che starà pensando costui? Ovviamente a trovare le parole giuste, per spiegare, soprattutto a sé stesso, quella sensazione d’infinito sconforto che lo attanaglia fin nelle viscere, tanto che “Oh povero me, quanto amabili sentimenti, quanto desiderio d’amore portò costoro fino alla morte e alla dannazione eterna!”, replicherà di lì a poco al maestro.

Poi, volgendosi di nuovo a Francesca – anch’essa l’ha visto turbato – prima gli dà contezza che i tormenti di lei lo turbano e lo impietosiscono fino a farlo piangere, poi gli chiede in tono accorato: “Quando il sentimento amoroso si esprime ancora con piacevoli sospiri, per quali segnali e in che modo l’amore vi rese consapevoli dei desideri pieni di incertezze?”

E Francesca, con voce strozzata: “Non c’è sofferenza più grande che ricordare in uno stato di d’infelicità; e ciò lo sa il tuo mentore. Ma se il tuo desiderio di conoscere l’origine del nostro amore è così grande, dirò come colui che piange e dice”. Che cosa?

Stop. Il resto alla prossima puntata.

Annunci

Un pensiero su “Dirò come colui che piange e dice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...