Li diritti occhi torse allora in biechi

li-diritti-occhi-torse-allora-in-biechi

Ci stiamo avvicinando alla parte conclusiva del sesto canto dell’Inferno, e il Sommo Poeta si erge di fronte a Ciacco, il quale, scrutandolo dal basso in alto, ha appena udito la sua domanda. Dante gli ha chiesto che vuole conoscere il luogo in cui si trovano le anime di alcuni personaggi illustri della sua città. Essi sono: Farinata degli Uberti, Tegghiaio degli Aldobrandi, Iacopo Rustucucci, Arrigo dei Fifanti e Mosca dei Lamberti.

Sulle prime Ciacco esita; non intende più replicare a quell’intruso. Ha già parlato troppo di Firenze e ora non ne può più. Poi, come se volesse liberarsi da un peso che l’opprime, prorompe: “Essi si trovano tra le anime più indegne; diverse colpe giù li grava al fondo: se scendi di tanto, potrai vederli là. Ma quando tu sarai ritornato sulla Terra, ti chiedo di ricordarmi ai vivi: non ti racconto e non ti soggiungo altro”.

A questo punto, narra Dante, Ciacco li diritti occhi torse allora in biechi. Poi costui lo guarda un po’, per abbassare il capo subito dopo e accasciarsi conseguentemente allo stesso livello degli altri dannati.

E Virgilio? Beh… lui se n’è stato tutto il tempo in disparte ad ascoltare l’interessante dialogo tra i due interlocutori: il primo, che vuole sapere a tutti costi il modo in cui evolverà la situazione politica della sua patria; il secondo, che, pur rispondendo a tutte le domande rivoltegli, ne avrebbe fatto volentieri a meno, a causa della sofferenza che ancora prova nel parlare di Firenze.

Ora, Virgilio, nel vedere Ciacco che si sdraia di nuovo nel fango a fianco dei suoi compagni di sorte, con tono didascalico a Dante spiega: “Non si rialzerà prima del Giudizio, nel tempo in cui ritornerà Cristo: ognuno rivedrà lo sventurato sepolcro, riprenderà il suo corpo e la sua immagine, e saprà quel che lo aspetta per l’eternità”.

Detto ciò, con un cenno della testa invita il suo pupillo a riprendere il cammino nel cerchio dei golosi. I due si avviano a passo lento, l’uno davanti all’altro.

Annunci

Un pensiero su “Li diritti occhi torse allora in biechi

  1. Bellissima. Un dialogo difficile ma positivo tra Dante e Ciacco. La conclusione di Virgilio che spiega a Dante, che il giorno del giudizio riprenderà il suo corpo e la sua immagine, e saprà quel che lo aspetta per l’eternità”. Grazie Carlo e buon Natale…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...