Io non posso ritrar di tutti a pieno

4^ canto dell’Inferno.

Ultima parte.

Dopo che guardai un poco più in alto, vidi il maestro di coloro che sono sapienti sedere tra la schiera dei filosofi. Tutti lo guardano, tutti mostrano un atteggiamento riguardoso dinanzi a lui: lì io vidi Socrate e Platone, che gli stanno vicino più degli altri; Democrito che sostiene essersi costituito per caso l’insieme della terra e dei cieli, Diogene, Anassagora e Talete, Empedocle, Eraclito e Zenone; e vidi l’abile botanico, dico Dioscoride; e vidi Orfeo, Cicerone e Lino e il filosofo etico Seneca; il matematico Euclide e Tolomeo, Ippocrate, Avicenna e Galeno, Averroè che scrisse il grande commento. Io non posso raccontare pienamente di tutti, poiché la vastità dell’argomento mi stimola così, che molte volte davanti all’agire il parlare è insufficiente. Il gruppo dei sei poeti diminuisce dividendosi in due: la saggia guida mi conduce per un altro percorso, fuori dal castello, nell’aria che vibra. E giungo in una zona dove non vi è nessuna cosa che mandi luce.

@ IO NON POSSO RITRAR DI TUTTI A PIENO

2 pensieri su “Io non posso ritrar di tutti a pieno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...