Non adorar debitamente a Dio

Non adorar debitamente a Dio

I due poeti, dopo che Dante si è trovato a sua insaputa sulla sponda opposta dell’Acheronte, senza sensi a causa della scossa di terremoto, hanno raggiunto il Limbo, il primo cerchio dell’Inferno.

4^ canto dell’Inferno, parte iniziale. Dove stanno fermi, sul limitare, intenti nella contemplazione delle anime. Qui, secondo quanto si può giudicare ascoltando, non c’è il pianto fuorché i sospiri che fanno vibrare l’aria eterna; ciò è causato dalla sofferenza priva di pene materiali, che è diffusa tra le schiere di anime, che sono molte e grandi, di bambini e di donne e di uomini.

Virgilio a Dante: “Tu non chiedi quali spiriti sono questi che vedi? Ora voglio che tu sappia, prima che tu proceda oltre, che non  peccarono; e se essi hanno meriti, non basta, perché non conobbero il battesimo, che è un elemento essenziale della fede cristiana; e ammesso che vissero prima del cristianesimo, non venerarono dovutamente Dio: e tra costoro vi sono io stesso. Per queste mancanze, non per un altro peccato, siamo dannati, e tormentati solamente di tutto questo che senza speranza esistiamo nel desiderio di Dio”.

Udendo quello che dal tono sembra un vero e proprio grido di dolore, Dante pensa – e lo scrive – che anime di grande rilevanza si trovano per sempre relegate nel Limbo. Pertanto, a voce bassa, per volere essere rassicurato su quella fede che risolve ogni dubbio, ribatte: “Dimmi, maestro mio, dimmi, signore, di qui venne fuori mai qualcuno, o per suo merito o per quello di altri, che poi diventasse beato?”.

E il maestro e signore, che ha capito il tono allusivo delle parole del poeta, si accinge a rispondere. 

Un pensiero su “Non adorar debitamente a Dio

  1. Bellissima, poetica e delicata descrizione del “limbo”. Anche in questo luogo dove la speranza di contemplare DIO sembra venir meno, in casi particolari può essere accolta. Solo nell’Inferno vero e proprio la speranza muore definitivamente ed al castigo non v’è fine. Difatti:
    “E quei che ‘ntese il mio parlar coverto,
    rispuose: «Io era nuovo in questo stato,
    quando ci vidi venire un possente,
    con segno di vittoria coronato.
    Trasseci l’ombra del primo parente,
    d’Abèl suo figlio e quella di Noè,
    di Moïsè legista e ubidente;
    Abraàm patrïarca e Davìd re,
    Israèl con lo padre e co’ suoi nati
    e con Rachele, per cui tanto fé,
    e altri molti, e feceli beati.
    E vo’ che sappi che, dinanzi ad essi,
    spiriti umani non eran salvati”

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...