Una lonza leggiera e presta molto

la lonza

Tant’era pien di sonno a quel punto che la verace via abbandonai”. Siamo alle prime battute del primo canto dell’Inferno, e il Sommo Poeta si lascia andare a una terribile constatazione. Egli vaga in una selva oscura, fino a che intravede di lontano, tra le brume di una tenue foschia, la sagoma di una collina… Ma facciamo proseguire lui: “Dopo che fui arrivato alle falde di un colle, nel punto in cui finiva quella selva che mi aveva trafitto il cuore di paura, rivolsi lo sguardo in alto, e scorsi i suoi declivi illuminati dai raggi del pianeta che mena dritto altrui per ogni calle. In quel momento  fu sopita un po’ la paura che mi era scesa nei recessi del cuore durante la notte che trascorsi con tanta angoscia”.

Paragonandosi a un naufrago che con il respiro affannoso uscito dal mare e approdato alla spiaggia si rivolge all’acqua insidiosa e resta a fissarla, Dante si volge spesso indietro a contemplare la selva; e, dopo un breve riposo, riprende il cammino su per un pendio solitario.

Ed ecco, quasi all’inizio del declivio”, continua il poeta, “una lonza leggiera e presta molto, che di pel macolato era coverta; e non si allontanava dal mio cospetto, per di più impediva tanto il mio camminare, che mi trovai spesso sul punto d’indietreggiare. Era l’alba, e il sole in Ariete risaliva il cielo con quelle stelle ch’eran con lui quando l’amor divino mosse di prima quelle cose belle; sicché …”

Annunci

Un pensiero su “Una lonza leggiera e presta molto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...