La vista che m’apparve d’un leone

1^ canto dell’Inferno.

Terza parte.

Era la prima ora del mattino, e il sole si muoveva verso l’alto con quella costellazione che era con lui quando l’amore divino mosse per la prima volta gli astri; così che mi davano motivo per sperare in modo conveniente riguardo a quella fiera dalla pelliccia screziata l’ora mattutina e la mite stagione; ma non così che non mi arrecasse la paura la sembianza di un leone che mi si manifestò.

Questi appariva che mi venisse incontro con la testa eretta e con una fame da far diventare irosi, così che avevo l’impressione che l’aria ne tremasse. Ed una lupa, che sembrava oppressa da tutti i segni dell’avidità nella sua magrezza, e fece già vivere infelici molte persone, mi turbò tanto con la paurosa minaccia che nasceva dal suo aspetto, che io persi la speranza di raggiungere la vetta del colle.

@ LA VISTA CHE M’APPARVE D’UN LEONE

Un pensiero su “La vista che m’apparve d’un leone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...